Giuseppe

Giuseppe

Entusiasta del mondo dell'IT, della tecnologia  e soprattutto di smartphone cinesi. Il mio tempo libero si divide equalmente tra Scienza e Android nella vita virtuale, volontariato e associazionismo per il sociale nella vita reale.

Oggi uno dei migliori top di gamma per rapporto qualità/prezzo è disponibile ad un prezzo davvero eccezionale: OnePlus 3T versione Global, con banda 20 (800MHz), in configurazione 6GB di RAM e 64GB di RAM viene proposto al prezzo bomba di 383.39€.
L'oggetto del desiderio è disponibile a questo link, ma attenzione: i pezzi disponibili sono limitati, e data l'offerta così ghiotta prevediamo l'esaurimento in poche ore.

Andate sul sito di GearBest alla pagina del prodotto qui e selezionate la vostra colorazione preferita: è disponibile sia Gray che Golden. Una volta nella pagina del checkout inserite il codice sconto per poterlo acquistare all'incredibile prezzo di 383.39€. Il codice sconto da inserire è OP3TSR.

Al momento, per il prezzo a cui viene venduto, OnePlus 3T è uno dei migliori smartphone per rapporto qualità/prezzo. Al suo interno batte il potente Snapdragon 821, con 6GB di RAM e 64GB di storage interno. Il comparto fotocamera, i materiali utilizzati, la qualità costruttiva sono tutti al top. E data la presenza della banda 20, non avete davvero nessuna scusa per non acquistarlo!

OnePlus 3T è disponibile presso GearBest al prezzo di 383.39€ con il codice sconto OP3TSR :

Nome  Prezzo   Link al
negozio

Risultati immagini per OnePlus 3T

OnePlus 3T

 383.39€ 

gearbest b 

 

 

PRODUTTORE OnePlus
MODELLO 3T
DATI TECNICI
RETE » Gsm: Quad Band (850/900/1800/1900)
DIMENSIONI
Altezza 152,7 mm
Larghezza 74,7 mm
Spessore 7,35 mm
PESO 158 grammi
SISTEMA OPERATIVO
Nome Android
Versione OxygenOS
Edizione Marshmallow
PROCESSORE
Produttore Qualcomm
Modello Snapdragon 821
Versione Quad Core
MEMORIA
Interna 64 MB
RAM 6GB
BATTERIA
Tipo Li-ion integrata
Mah 3.400
SIM CARD Nano
CONNETTIVITA'
IRDA No
BLUETOOTH Si (versione 4.2)
WI-FI Si (802.11 a/b/g/n/ac)
NFC Si
USB Si (Type-C, versione 2.0)
ASPETTO
DISPLAY
Pollici 5,5
Tipo AMOLED
Codice FullHD
Larghezza 1080 pixel
Altezza 1920 pixel
Colori 16.7 milioni
TOUCHSCREEN Si (Gorilla Glass)
FUNZIONI
MULTIMEDIA
FOTO e VIDEO

Xiaomi Redmi 4X è uno smartphone che attendevamo davvero di recensire, dato che sulla carta sembrava un passo indietro di Xiaomi rispetto alle fantastiche premesse di fine 2016 ed inizio 2017. Con lo Xiaomi Redmi Note 4X l’asticella della fascia media per i 5.5” si alza di molto, e dopo aver provato questo Xiaomi Redmi 4X possiamo asserire con sicurezza che da oggi la fascia bassa ha un nuovo Re. Scopriamo insieme il perché nella nostra recensione completa.


VIDEO RECENSIONE  

 

CONFEZIONE E ACCESSORI

La confezione dello Xiaomi Redmi 4X ricalca la classica confezione per la fascia medio bassa Xiaomi. La scatola è bianca e nella parte superiore troviamo la scritta “4X” a rilievo di colore panna con una finitura lucida. Nella parte inferiore sono elencate tutte le caratteristiche del terminale (in cinese in questo caso, NdR).

All’interno troviamo il manuale d’istruzioni rapide, la graffetta per il carrellino SIM, il caricabatterie 5V/2A (niente ricarica rapida, NdR) e il cavo di tipo microUSB.

DESIGN E MATERIALI

Il design del Redmi 4X è, usando una sola parola, semplicemente fantastico. Tenuto in mano la sensazione che si prova è quella di avere un telefono ben bilanciato, dalle linee eleganti e stondate. Tutto il terminale è in alluminio (a parte le bande di plastica sulla back cover), e nel nostro modello in colorazione nera la finitura opaca fa bella mostra di sè. Lo schermo 2.5D contribuisce indubbiamente a donare un aspetto premium a questo smartphone. Le bande superiori ed inferiori della back cover sono in plastica, con due bande orizzontali che separano i differenti materiali, un pò alla HTC. E’ presente un led di notifica, purtroppo solo bianco, sotto i tasti di navigazione non retro-illuminati.

Il peso dello Xiaomi Redmi 4X è di 150grammi

 

HARDWARE

Ecco in breve le caratteristiche dello Xiaomi Redmi 4X:

- DISPLAY: 5 Pollici  HD 1280x720 IPS

- CPU: Snapdragon 435 Octa-Core 1.4Ghz

- RAM:  2/3 GB

- STORAGE: 16/32 GB espandibile tramite micro SD (slot condiviso con la seconda SIM)

- SIM: NANO + MICRO

- FOTOCAMERE: 13 megapixel posteriore con PDAF + 5 megapixel frontale

- DIMENSIONI:  139.2 x 70 x 8.7 mm  millimetri

- PESO:  150 grammi

- BATTERIA: 4100 mAh

- OS: MIUI 8.2 basata su Android 6.0

- Altro: Lettore impronte posteriore, led di notifica(bianco), giroscopio, bussola, accelerometro, IR

 

RETE E TELEFONIA

Uno dei punti di forza di questo Xiaomi Redmi 4X è il processore, un Qualcomm Snapdragon 435. Se nel Redmi 4 lo Snapdragon 430 era dotato di un modem Gobi X6 che garantiva la connessione LTE cat. 4, nel nuovo Snapdragon 435 il Gobi X6 porta LTE a cat.6, con download fino a 300 Mbps e supporto alle reti 4G+. Purtroppo questo modello non è la versione internazionale, per cui mancano alcune bande FDD-LTE che usiamo qui in Italia, dando vita a risultati incogruenti nei nostri test di connessione.

Con Speedtest in rete 4G infatti non siamo riusciti ad andare oltre i 10Mb in download, mentre viaggiavamo a più di 30Mb in upload. Probabile che sia dovuto anche al software della ROM (abbiamo usato la release di Marzo della Xiaomi.eu, NdR) ma al momento questi sono i risultati ottenuti durante la nostra prova e quindi ve li riportiamo. I 2 slot possono ospitare 2 SIM  in  formato Nano/Micro  o alternativamente una SIM Nano ed una Micro SD:

Non è presente la banda B20 per quanto riguarda il 4G.

La ricezione è comunque ottima, il suono arriva udibile e pulito all’interlocutore così come il suono che esce dalla capsula auricolare. Lo speaker di sistema è molto potente per ascoltare la musica, un pò meno per le chiamate in vivavoce.

SCHERMO

Lo schermo è un 5 pollici di buona fattura, con una luminosità massima adeguata anche se sotto il sole soffre un pò. Gli angoli di visuale sono decenti, purtroppo i neri tendono al grigino quando si osserva da un’angolazione accentuata il pannello.

Lo schermo ha una risoluzione HD (1280x720) pixels, ma su di una diagonale da 5” si mostra ancora definito con una risoluzione di 294 ppi. C’è la possibilità di tarare i colori, preferendoli più freddi o più caldi. Io mi sono trovato bene impostandoli in modalità vivace con una tinta neutra.

Il touch è a 10 tocchi (che con una certa difficoltà sono riuscito a testare data la ridotta dimensione del pannello, NdR), purtroppo lo schermo è poco oleofobico e tende a trattenere le impronte.

SOFTWARE

La ROM è il frutto del fantastico lavoro di Xiaomi.eu:  basata su Android 6.0, abbiamo installato la versione MIUI 8.3 del 29 Marzo. La Global non è ancora disponibile per il nostro dispositivo, quindi ci siamo armati di pazienza e abbiamo eseguito la procedura standard per avere una ROM con la lingua italiana e il Play Store integrato, che è secondo noi il modo più corretto per recensire uno smartphone che sia pronto per l’utenza del nostro canale.

Armatevi quindi di pazienza e in circa 15minuti potrete passare dall'unboxing del telefono ad avere una ROM pronta. Vi basterà sbloccare il bootloader tramite Mi Unlock (previa registrazione sul sito di Xiaomi per essere abilitati a questa operazione con il proprio account Mi), installare la recovery TWRP e flashare la ROM disponibile da Xiaomi.eu e avrete il terminale pronto. Se foste interessati potete seguire la nostra guida che trovate a questo link:

Guida: installare la ROM in italiano di xiaomi.eu su tutti gli Xiaomi

Guida: installare la ROM in italiano di xiaomi.eu su tutti gli Xiaomi

 

La ROM non ha bisogno di presentazioni: fluida, stabile, senza bug se non per un comportamento anomalo con Google Now, il quale è impossibile richiamarlo tramite il comando vocale “Ok Google” nonostante abbia abilitato tutti i permessi possibili ed immaginabili. Per il resto la ROM è perfetta e priva di tutte le app cinesi e sono presenti ovviamente tutte le nuove funzionalità della MIUI 8 come sil Second Space e la possibilità di clonare app come Whatsapp per avere 2 account contemporaneamente sullo stesso smartphone.

LETTORE IMPRONTE

Sensore d’impronte posto sulla back cover che consente uno sblocco ogni-singola-volta che appoggiamo il dito. Sblocco non fulmineo ma che non sbaglia un colpo. Promosso a pieni voti.

FOTOCAMERA

Una delle caratteristiche con cui Xiaomi ci ha sorpreso di più è il comparto fotocamera, che rispetto agli altri fratelli della serie Redmi 4 migliora sensibilmente, con una fotocamera con apertura f/2.0 rispetto agli f/2.2 di Redmi 4, 4A e 4 Prime/Pro.

I risultati ottenuti con la fotocamera sono in linea con la fascia di prezzo. Buoni i risultati con molta luce, specialmente all’aperto, dove la fotocamera scatta foto con tanti dettagli e una buona resa cromatica. Buone le macro, si può zoomare senza perdere troppa definizione. Gli scatti in HDR con condizioni di luce difficile richiedono una mano ferma, pena avere un effetto mosso come è possibile vedere dalle foto. Negli scatti al buio la fotocamera soffre tanto, e il flash, anche se a singolo LED, aiuta molto nel restituire foto fruibili, ma non si possono avere miracoli. L’apertura inferiore rispetto agli altri Redmi 4/Pro aiuta ma non drammaticamente in assenza di luce.

GPS

GPS molto veloce che fixa in tempi brevi anche all’interno. Nessun problema riscontrato durante la navigazione con Google Maps

BATTERIA

Questo Xiaomi Redmi 4X è equipaggiato con una batteria da 4100 mAh. Complice il display con risoluzione HD, lo Snapdragon 435 poco energivoro e l’ottima gestione dei processi in background della MIUI i risultati sono equiparabili a quelli degli altri dispositivi Xiaomi.

Una giornata di 24 ore con telefono continuamente acceso con utilizzo massiccio sotto Wi-Fi e circa un’ora in 4G mi ha permesso di chiudere con 8 ore di schermo e il 15% restante di batteria.

Non siamo a numeri da record ma l’autonomia di questo Redmi 4X non delude, soprattutto considerando che il telefono tende a rimanere sempre un pò tiepido.



Il tempo di ricarica con il caricatore in dotazione da 5V/2A (niente ricarica rapida) si attesta sulle 2 ore e 40 minuti.

 BENCHMARK E GAMING

Il valore ottenuto con Antutu  dallo Xiaomi Redmi 4X è di  43616 punti. Un risultato che conferma la sua natura di dispositivo entry level ma che consente un utilizzo soddisfacente. La navigazione dell’interfaccia e l’apertura delle app sono rapide, a volte con qualche incertezza e lag se posto sotto stress ed un conseguente riscaldamento della scocca posteriore, ma nulla di preoccupante o fastidioso.

Nel comparto Gamging si comporta bene anche con titoli 3D: Nova e Real Racing si giocano senza problemi, seppure non al massimo del dettaglio, ma con un framerate più che accettabile.

Ecco tutte le scheramte dei benchmark effettuati con AnTuTu, GeekBench e Octane:

:

IN BREVE

Lo Xiaomi Redmi 4X, come anticipato ad inizio articolo, alza l’asticella della proposta per la fascia bassa della compagnia considerata “l’Apple cinese”. Non ci avviciniamo però ai livelli prestazionali dello Xiaomi Redmi 4 Pro o dello Xiaomi Redmi Note 4X, che con lo Snapdragon 625 e display Full-HD si confermano fin’ora due campioni per la fascia media, dato dall’altissimo rapporto qualità/prezzo.

L’utilizzo sapiente dei materiali utilizzati ed il design di questo Redmi 4X lo rendono un dispositivo davvero appetibile dal punto di vista dell’estetica. Se a questo aggiungiamo che non presenta molti punti deboli, possiamo davvero dire che siamo di fronte al nuovo Re della fascia bassa. Noi l’abbiamo preso da HonorBuy nella variante Black e in configurazione 3GB di RAM e 32GB di ROM, disponibile al momento al prezzo di 179€.

Se siete alla ricerca di un terminale da 5” che costi poco, esteticamente bello e con un’esperienza d’uso piacevole anche se non al livello di un top di gamma, non possiamo che stra-consigliarvi questo Xiaomi Redmi 4X. Peccato per la banda 20 non ancora disponibile (attendiamo la versione internazionale per quello, NdR) ed alcuni difetti che Xiaomi continua imperterrita a commettere: fra tutti i tasti non retro-illuminati e il LED di notifica non RGB.

logo ok

logo ko

  • Design

  • Materiali

  • Esperienza d’uso

  • Fotocamera

  • Tasti non retro-illuminati

  • LED di notifica non RGB

  • Caricabatterie non rapido

  • Display poco oleofobico

 

DOVE COMPRARE

Lo Xiaomi Redmi 4X è disponibile all’acquisto presso HonorBuy.it

 

Nome Prezzo Link al negozio
Xiaomi Redmi 4X Prime 3GB RAM 32GB ROM Nero
Xiaomi Redmi 4X
179 €

 

 

Xiaomi Redmi 4X è uno smartphone che attendevamo davvero di recensire, dato che sulla carta sembrava un passo indietro di Xiaomi rispetto alle fantastiche premesse di fine 2016 ed inizio 2017. Con lo Xiaomi Redmi Note 4X l’asticella della fascia media per i 5.5” si alza di molto, e dopo aver provato questo Xiaomi Redmi 4X possiamo asserire con sicurezza che da oggi la fascia bassa ha un nuovo Re. Scopriamo insieme il perché nella nostra recensione completa.


 

VIDEO RECENSIONE  


CONFEZIONE E ACCESSORI

La confezione dello Xiaomi Redmi 4X ricalca la classica confezione per la fascia medio bassa Xiaomi. La scatola è bianca e nella parte superiore troviamo la scritta “4X” a rilievo di colore panna con una finitura lucida. Nella parte inferiore sono elencate tutte le caratteristiche del terminale (in cinese in questo caso, NdR).

All’interno troviamo il manuale d’istruzioni rapide, la graffetta per il carrellino SIM, il caricabatterie 5V/2A (niente ricarica rapida, NdR) e il cavo di tipo microUSB.

DESIGN E MATERIALI

Il design del Redmi 4X è in una parola semplicemente fantastico. Tenuto in mano la sensazione che si prova è quella di avere un telefono ben bilanciato, dalle linee eleganti e stondate. Tutto il terminale è in alluminio, e nel nostro modello di colore nero la finitura opaca fa davvero un bell’effetto. Lo schermo 2.5D contribuisce indubbiamente a donare un aspetto curato a questo smartphone. Le bande superiori ed inferiori della back cover sono in plastica, con due bande orizzontali che separano i differenti materiali, un pò alla HTC. E’ presente un led di notifica, purtroppo solo bianco, sotto i tasti di navigazione non retro-illuminati.


HARDWARE

Ecco in breve le caratteristiche dello Xiaomi Redmi 4X:


- DISPLAY: 5 Pollici  HD 1280x720 IPS

- CPU: Snapdragon 435 Octa-Core 1.4Ghz

- RAM:  2/3 GB

- STORAGE: 16/32 GB espandibile tramite micro SD (slot condiviso con la seconda SIM)

- SIM: NANO + MICRO

- FOTOCAMERE: 13 megapixel posteriore con PDAF + 5 megapixel frontale

- DIMENSIONI:  139.2 x 70 x 8.7 mm  millimetri

- PESO:  150 grammi

- BATTERIA: 4100 mAh

- OS: MIUI 8.2 basata su Android 6.0

- Altro: Lettore impronte posteriore, led di notifica(bianco), giroscopio, bussola, accelerometro, IR

 

RETE E TELEFONIA

Uno dei punti di forza di questo Xiaomi Redmi 4X è il processore, il Qualcomm Snapdragon 435. Se nel Redmi 4 lo Snapdragon 430 era dotato di un modem Gobi X6 che garantiva la connessione LTE cat. 4, nel nuovo Snapdragon 435 il Gobi X6 porta LTE a cat.6, con download fino a 300 Mbps e supporto alle reti 4G+. Purtroppo questo modello non è la versione internazionale, per cui mancano alcune bande FDD-LTE che usiamo qui in Italia, dando vita a risultati incogruenti nei nostri test di connessione.

Con Speedtest in rete 4G infatti non siamo riusciti ad andare oltre i 10Mb in download, mentre viaggiavamo a più di 30Mb in upload. Probabile che sia dovuto anche al software della ROM (abbiamo usato la release di Marzo della Xiaomi.eu, NdR) ma al momento questi sono i risultati ottenuti durante la nostra prova e quindi ve li riportiamo. I 2 slot possono ospitare 2 SIM  in  formato Nano/Micro  o alternativamente una SIM Nano ed una Micro SD:

La ricezione è comunque ottima, il suono arriva udibile e pulito all’interlocutore così come il suono che esce dalla capsula auricolare. Lo speaker di sistema è molto potente per ascoltare la musica, un pò meno per le chiamate in vivavoce.


SCHERMO

Lo schermo è un 5 pollici di buona fattura, con una luminosità massima adeguata anche se sotto il sole soffre un pò. Gli angoli di visuale sono ottimi, purtroppo i neri tendono al grigino quando si osserva da un’angolazione accentuata il pannello.

Lo schermo ha una risoluzione HD (1280x720) pixels, ma su di una diagonale da 5” si mostra ancora definito con una risoluzione di 294 ppi. C’è la possibilità di tarare i colori, preferendoli più freddi o più caldi. Io mi sono trovato bene impostandoli in modalità vivace con una tinta neutra.

Il touch è a 10 tocchi (che con una certa difficoltà sono riuscito a testare data la ridotta dimensione del pannello, NdR), purtroppo lo schermo è poco oleofobico e tende a trattenere le impronte.


SOFTWARE

La ROM è il frutto del fantastico lavoro di Xiaomi.eu  basata su Android 6.0, con la versione MIUI 8.3 del 29 Marzo. La Global non è ancora disponibile per il nostro dispositivo, quindi ci siamo armati di pazienza e abbiamo eseguito la procedura standard per avere una ROM con la lingua italiana e il Play Store integrato, che è secondo noi il modo più corretto per recensire uno smartphone che sia pronto per l’utenza del nostro canale.

Armatevi quindi di pazienza e in circa 15minuti potrete passare dallo scartare il telefono ad avere una ROM pronta. Vi basterà sbloccare il bootloader tramite Mi Unlock (previa registrazione sul sito di Xiaomi per essere abilitati a questa operazione con il proprio account Mi), installare la recovery TWRP e flashare la ROM disponibile da Xiaomi.eu e avrete il terminale pronto. Se foste interessati potete seguire la nostra guida che trovate a questo link:



La ROM non ha bisogno di presentazioni: fluida, stabile, senza bug se non per un comportamento anomalo con Google Now, il quale è impossibile richiamarlo tramite il comando vocale “Ok Google” nonostante abbia abilitato tutti i permessi possibili ed immaginabili. Per il resto la ROM è perfetta e priva di tutte le app cinesi e sono presenti ovviamente tutte le nuove funzionalità della MIUI 8 come sil Second Space e la possibilità di clonare app come Whatsapp per avere 2 account contemporaneamente sullo stesso smartphone.



LETTORE IMPRONTE

Sensore d’impronte posto sulla back cover che consente uno sblocco ogni-singola-volta che appoggiamo il dito. Sblocco non fulmineo ma che non sbaglia un colpo. Promosso a pieni vota.

FOTOCAMERA

Una delle caratteristiche con cui Xiaomi ci ha sorpreso di più è il comparto fotocamera, che rispetto agli altri fratelli della serie Redmi 4 migliora sensibilmente, con una fotocamera con apertura f/2.0 rispetto agli f/2.2 di Redmi 4, 4A e 4 Prime/Pro.

I risultati ottenuti con la fotocamera sono in linea con la fascia di prezzo. Buoni i risultati con molta luce, specialmente all’aperto, dove la fotocamera scatta foto con tanti dettagli e una buona resa cromatica. Buone le macro, si può zoomare senza perdere troppa definizione. Gli scatti in HDR con condizioni di luce difficile richiedono una mano ferma, pena avere un effetto mosso come è possibile vedere dalle foto. Negli scatti al buio la fotocamera soffre, e il flash, anche se a singolo LED, aiuta molto nel restituire foto fruibili, ma non si possono avere miracoli. L’apertura inferiore rispetto agli altri Redmi 4/Pro aiuta ma non drammaticamente in assenza di luce.



GPS

GPS molto veloce che fixa in tempi brevi anche all’interno. Nessun problema riscontrato durante la navigazione con Google Maps


BATTERIA

Questo Xiaomi Redmi 4X è equipaggiato con una batteria da 4100 mAh Complice il display con risoluzione HD, lo Snapdragon 435 poco energivoro e l’ottima gestione dei processi in background della MIUI i risultati sono equiparabili a quelli degli altri dispositivi Xiaomi.

Una giornata di 24 ore con telefono continuamente acceso con utilizzo massiccio sotto Wi-Fi e circa un’ora in 4G mi ha permesso di chiudere con 8 ore di schermo e il 15% restante di batteria.

Non siamo ai massimi della categoria ma l’autonomia di questo Redmi 4X non delude, soprattutto considerando che il telefono tende a rimanere sempre un pò tiepido.


Il tempo di ricarica con il caricatore in dotazione da 5V/2A (niente ricarica rapida) si attesta sulle 2 ore e 40 minuti.

 BENCHMARK E GAMING

Il valore ottenuto con Antutu  dallo Xiaomi Redmi 4X è di  43616 punti. Un risultato che conferma la sua natura di dispositivo entry level ma che consente un utilizzo soddisfacente. La navigazione dell’interfaccia e l’apertura delle app sono rapide, a volte con qualche incertezza e lag se posto sotto stress ed un conseguente riscaldamento della scocca posteriore, ma nulla di preoccupante o fastidioso.


Nel comparto Gamging si comporta bene anche con titoli 3D: Nova e Real Racing si giocano senza problemi, seppure non al massimo del dettaglio, ma con un framerate più che accettabile.

Ecco tutte le scheramte dei benchmark effettuati con AnTuTu, GeekBench e Octane:

:



IN BREVE

Lo Xiaomi Redmi 4X, come anticipato ad inizio articolo, alza l’asticella della proposta sulla fascia bassa della casa considerata “l’Apple cinese”. Non siamo ai livelli prestazionali dello Xiaomi Redmi 4 Pro, che con il suo Snapdragon 625 e display Full-HD si conferma fin’ora il campione per la fascia media per l’altissimo rapporto qualità/prezzo. Ovviamente qui parliamo di terminali da 5”, in quanto per i 5.5” c’è anche il Redmi Note 4X.


L’utilizzo sapiente dei materiali utilizzati ed il design di questo Redmi 4X lo rendono un dispositivo davvero appetibile dal punto di vista dell’estetica. Se a questo aggiungiamo che non presenta molti punti deboli, possiamo davvero dire che siamo di fronte al nuovo Re della fascia bassa. Noi l’abbiamo preso da HonorBuy nella variante Black e in configurazione 3GB di RAM e 32GB di ROM, disponibile al momento al prezzo di 179€.

Se siete alla ricerca di un terminale da 5” che costi poco, esteticamente bello e con un’esperienza d’uso piacevole anche se non al livello di un top di gamma, non possiamo che stra-consigliarvi questo Xiaomi Redmi 4X. Peccato per la banda 20 non ancora disponibile (attendiamo la versione internazionale per quello, NdR) ed alcuni difetti che Xiaomi continua imperterrita a commettere: fra tutti i tasti non retro-illuminati e il LED di notifica non RGB.

logo ok

logo ko

  • Design

  • Materiali

  • Esperienza d’uso

  • Fotocamera

  • Tasti non retro-illuminati

  • LED di notifica non RGB

  • Caricabatterie non rapido

  • Display poco oleofobico

 

DOVE COMPRARE

Lo Xiaomi Redmi 4X è disponibile all’acquisto presso HonorBuy.it

Nome

Prezzo  

Link al

negozio



 

 

AGM M1 è un feature phone, un telefono senza fronzoli e ridotto alle funzioni basilare (chiamate ed sms) che però ha dalla sua una certificazione IP68 contro polvere ed acqua ed è costruito con un sapiente mix di gomma, plastica, metallo e inserti in Kevlar per donargi una resistenza difficile da trovare nel mondo degli smartphone. Nella nostra recensione completa analizziamo nel dettaglio questo telefono per capire se, nel 2017, si può sentire ancora l'esigenza di avere un telefono che effettua solo chiamate.


VIDEO RECENSIONE  

CONFEZIONE E ACCESSORI

La confezione di AGM M1 è molto compatta, in colorazione nera con il logo della compagnia e sul retro tutti i dati riguardanti il dispositivo. All’interno troviamo il telefono, un piccolo utensile per aprire la back cover ed inserire la batteria e le SIM, il caricabatterie 5v/1A ed un cavo microUSB.

DESIGN E MATERIALI

Il design di AGM M1 sembra adatto ad un cantiere, e ricorda quasi un giocattolo. In realtà il telefono una volta preso in mano dona una sensazione di robustezza davvero piacevole, specialmente in previsione dell’alto grado di tolleranza all’(ab)uso.

Il design di AGM M1 non è certamente elegante o sportivo, ma sembra più un piccolo carroarmato corazzato. Il telefono tra le mani si fa sentire sia per il suo peso, 171 grammi, che per la solidità che trasmette.

E’ un dispositivo rugged con realizzato in plastica, metallo, gomma e inserti in kevlar. L’alternanza degli inserti in metallo in colorazione argento smorza le linee “cheap” della gomma che percorrono il telefono lungo il frame laterale.

Il peso del telefono  è di 171 grammi.

HARDWARE

Ecco in breve le caratteristiche tecniche dell’AGM M1:

- DISPLAY: 2.0” QCIF con risoluzione 176x220 pixels

- CPU: Spreadtrum SC7701

- STORAGE: 64MB espandibile tramite micro SD

- SIM: MICRO+ MICRO (con microSD in un terzo slot)

- FOTOCAMERA POSTERIORE: 2 Megapixel

- DIMENSIONI: 128×59×22 millimetri

- PESO: 171  grammi

- BATTERIA: 2570mAh

- OS: Proprietario

- Altro: Radio FM, IP68, Bluetooth 2.1

 

RETE E TELEFONIA

I 2 slot possono ospitare 2 SIM  in  formato standard, le bande supportate sono le seguenti: GSM:850/900/1800/1900 MHz(B5/B8/B3/B2)e WCDMA:900/2100(B8/B1). E’ possibile utilizzare la connessione 3G solo su di una SIM. La ricezione è nella media, mi aspettavo qualcosa in più. L’audio riprodotto dalla capsula auricolare è buono, anche il nostro interlocutore ci sente bene nonostante sia un telefono con certificazione IP68, quindi resistente all’immersione in acqua.

SCHERMO

Lo schermo è un 2.0 pollici  QCIF a colori, con risoluzione 176x220 pixel. Il display è abbastanza luminoso, con buoni angoli di visuale tranne quando lo incliniamo con la parte superiore verso di noi: lo schermo vira verso il bianco rendendo impossibile la lettura.

Non ha uno schermo touch, ovviamente, e la navigazione viene effettuata attraverso il tasto centrale a 4 direzioni.

SOFTWARE

Il software di questo AGM M1 è un S.O. proprietario che offre alcune impostazioni e applicativi utili. Il menù è accessibile premendo il tasto centrale o il tasto funzione a sinistra. Entrambi i tasti funzioni e il pad direzionale sono programmabili con delle scelte rapide da poter richiamare. Possiamo quindi avere a disposizione 6 scelte rapide in totale.

Il menù presenta 9 opzioni navigabili con il d-pad centrale. C’è il registro chiamate e la rubrica rapida, la sezione messaggi e le impostazioni. Le impostazioni sono curate nonostante non sia uno smartphone, specialmente per la gestione DUAL-SIM. Si può impostare un nome per ogni SIM, scegliere la modalità Standby e la sim predefinita per chiamate, SMS e MMS.

Si può anche impostare un orario di accensione e spegnimento, la connessione Bluetooth (sì, ha il Bluetooth 2.1) e la connessione Internet (che va al massimo solo in 3G).

Nel menù Multimedia si accede alla fotocamera, alla videocamera e al registratore. E’ poi possibile visionare foto e filmati ripresi, o scegliere di sentire la musica, che può essere riprodotta sia con l’altoparlante di sistema che con delle cuffie/casse bluetooth. C’è anche la RadioFM, ma per poterla utilizzare dovrete connettere delle cuffie provviste di filo, che vengono usate come antenna fisica per la ricezione delle onde in radiofrequenza.

Altro menù interessante è quello dedicato agli Strumenti, che vanta Sveglia, Calendario, Promemoria e Calcolatrice. Ci sembrano inutili sia la funzione Ebook (chi leggerebbe un ebook su di un display del genere? NdR) sia la funzione Torcia: essa attiva il flash della fotocamera, che però ha una luce davvero fioca e pertanto quasi inutile.

Infine ci sono un esplora risorse, il browser per la navigazione web (che riesce a farmi navigare, ma con pessimi risultati, purtroppo) e ben due giochi, magari per passare il tempo sui cantieri in attesa dei vari geometri/ingegneri. Uno di questi è una versione, piuttosto bruttina, di Snake: nulla però potete contro la febbra da ritorno di Nokia, e quindi sarete costretti a giocarci almeno una volta, non per altro per poter urlare “Amarcord” subito dopo.

FOTOCAMERA

La fotocamera dell'AGM M1 è da 2 Megapixel, ma non la userete mai quindi è come se non esistesse.

GPS E SENSORI

Questo AGM M1 è sprovvisto di qualsivoglia sensore, per cui non c’è GPS, giroscopio o accelerometro. Francamente ci saremmo aspettati qualche sensore orientato alla produttività, come ad esempio un misuratore laser(che avrebbe fatto un’ottima figura) oppure la bussola o una livella.

BATTERIA

Batteria da 2560 mAh che sembra anche piuttosto sovradimensionata rispetto alle funzionalità di questo dispositivo. Data la mia ricezione bassa quando sono a casa riesco ad arrivare a fatica a 4 giorni di attività. In standby e senza SIM la batteria impiega quasi due settimane a scaricarsi completamente. Il tempo di ricarica con il caricatore in dotazione è lento: circa 3 ore e 30minuti

IN BREVE

AGM M1 è un feature phone che fa della robustezza e della certificazione IP68 il suo punto di forza. La sua utilità è limitata: il browser integrato non è utilizzabile con i moderni siti, quindi il tutto si riduce a chiamate e messaggi. Un peccato perché l’azienda presenta nel suo portfolio di prodotti un’ampia offerta di prodotti rugged con Android a bordo, come l’AGM X1 e X2, dotati di una scheda tecnica di tutto rispetto e che mettono in ombra questo AGM M1. Ci sono anche top di gamma completissimi come AGM X2 e X2 Pro che sono stati annunciati al Mobile World Congress di Barcellona: insomma, Rugged non è più sinonimo di una scheda tecnica scadente.

Il prezzo economico (ma in diretta concorrenza con quello del "nuovo" Nokia 3310, almeno su Amazon, NdR) e l’assenza di feature smart potrebbero far gola solo a chi è alla ricerca di un telefono da poter maltrattare, IP68, con la possibilità di utilizzare due SIM in contemporanea e con una buona ricezione.

logo ok

logo ko

- Rugged
- IP68
- Guardare le facce sconvolte degli amici mentre lo scagliate a terra, tenendosi stretto il proprio iPhone

- Poco smart

- Pesante

- Fotocamera

- Bluetooth solo 2.1

 

DOVE COMPRARE

 

Nome

Prezzo  

Link al

negozio

AGM m1.jpg

AGM M1

 

 

 

59€

32€

Amazon-Logo-schwarz.jpg

gear best logo

 

Eccoci con la recensione di DooGee Y6 Piano Black, il fratello maggiore del DooGee Y6 presentato qualche mese fa. Le specifiche di memoria interna e RAM qui vengono raddoppiate, mentre l’estetica cambia totalmente grazie ad un processo di anodizzazione a 9 passaggi che rende il corpo di questo smartphone davvero piacevole alla vista con la sua colorazione Jet Piano. Quali sono i suoi punti di forza e le sue debolezze lo scopriamo insieme nella nostra recensione completa.


VIDEO RECENSIONE  

CONFEZIONE E ACCESSORI

La nostra confezione del DooGee Y6 Piano Black è davvero minimal. Purtroppo noi abbiamo un sample riservato ai giornalisti, quindi non abbiamo tutti gli accessori presenti nella confezione.
Troverete una cover in TPU trasparente, il caricabatterie 5V/2A, il cavo USB e lo spillo per il carrello delle SIM.

DESIGN E MATERIALI

Il design del DooGee Y6 Piano Black è forse il suo punto di forza maggiore, con il suo display 2.5D stondato sui lati e la colorazione Jet Black, che l’azienda cinese chiama Piano Black. E’ disponibile anche nella colorazione bianca con lo stesso trattamento lucido, ma secondo noi il modello nero è molto più appetibile visivamente, nonostante le impronte siano vistosamente visibili sulla back cover

Il peso del Doogee Y6 Piano Black è di ben 204 grammi, un peso importante e che in tasca si fa sicuramente sentire. Purtroppo il peso non è dovuto alla batteria, che è solo da 3200 mAh, ma dalla costruzione interamente in metallo dello smartphone.

HARDWARE

Ecco in breve le caratteristiche del Doogee Y6 Piano Black:

 

- DISPLAY: 5.5 Pollici HD 1280x720 Sharp IGZO

- CPU: Mediatek MT6750 Octa-Core 4×1.5 GHz ARM Cortex-A53 + 4x 1.0 GHz ARM Cortex-A53

-GPU: Mali T860-MP2

- RAM:  4GB

- STORAGE: 64GB espandibile tramite micro SD (slot condiviso con la seconda SIM)

- SIM: Dual SIM (Micro + Micro/microSD )

- FOTOCAMERE: 13 megapixel principale con AF e LED singolo + 8 megapixel frontale con LED

- DIMENSIONI:   154.2 x 77.5 x 8.5 mm millimetri

- PESO:  204 grammi

- BATTERIA: 3200 mAh

- OS: Android 6.0

- Altro: Lettore impronte posteriore

 

La scheda tecnica del Doogee Y6 Piano Black lo pone nella fascia media. Troviamo un MediaTek MT6750, processore octa-core con due cluster a quattro core Cortex-A53, che però funzionano a frequenze differenti per garantire sempre il massimo risparmio energetico.Il processore scalda solo quando posto sotto stress, e nell’utilizzo di tutti i giorni il telefono è davvero piacevole da usare, con una reattività generale più che buona ed un utilizzo multitasking che non fa rimpiangere smartphone più prestanti. Merito anche dei 4GB di memoria interna, che consentono di avere tutte le app sempre pronte in memoria per essere richiamate istantaneamente. Nei giochi la Mali T860-MP2 soddisfa ampiamente le esigenze gaming: Asphalt 8 gira in modo fluido, nonostante occasionali cali di frame rate nelle scene più concitate. Purtroppo l’assenza del giroscopio si fa sentire, e vi troverete più di una volta nei giochi di guida a dover girare lo smartphone all’estremo per virare.

RETE E TELEFONIA

Il Doogee Y6 Piano Black offre un carrellino con 2 slot, i quali possono ospitare 2 SIM in formato Nano e Micro o alternativamente una Nano SIM ed una Micro SD, per espandere il già capiente storage interno.

E’ presente la banda B20 per quanto riguarda il 4G, quindi i possessori di Wind possono stare tranquilli. I risultati ottenuti nei test sono positivi, con connessioni dati sia Wi-Fi che in 4G che soddisfano ampiamente le nostre aspettative.

SCHERMO

Il Display da 5.5” è un pannello con risoluzione HD prodotto da Sharp, e vi sfido personalmente a distinguerlo da un pannello Full-HD: la qualità dei pannelli della casa nipponica è davvero buona, infatti lo schermo è uno dei punti di forza maggiore di questo DooGee Y6 Piano. I colori sono ben riprodotti, anche se i neri sono sempre abbastanza grigi. Ottima la luminosità così come gli angoli di visuale. Curioso il test sul Multi-touch: i tocchi riconosciuti sono “solo” 9. Misteri della telefonia.

SOFTWARE

La ROM è basata su Android 6.0 Marshmallow, con una leggera personalizzazione da parte di DooGee per quanto riguarda il set di icone utilizzate e la Home. Quello che c’è davvero di diverso è tutto nel Menù Impostazioni, dove DooGee ha aggiunto delle funzionalità che mirano a rendere l’utilizzo del telefono più smart ed immediato. C’è la possibilità di bloccare il dispositivo tappando due volte su qualsiasi punto dell’interfaccia, così come la possibilità di risvegliarlo con un doppio tap sullo schermo (Double-click to wake nel menù).

Così come sul DooGee T5 Lite che abbiamo recensito qualche mese fa è presente un menù flottante con scelte rapide. C’è la possibilità di riconoscere gesture personalizzate, per aprire determinate applicazioni. La modalità lettura non fa null’altro che impostare lo schermo per non spegnersi mai, mentre la modalità Gaming disattiva i tasti Back e Multi-tasking così da non premerli accidentalmente mentre siamo impegnati a giocare. Float Music e Float Video richiamano rispettivamente i programmi preinstallati in una finestra che possiamo posizionare dove meglio crediamo sullo schermo.

Comoda anche la modalità ad una mano richiamabile con uno swipe verso destra nella parte inferiore dello schermo. Una funzione davvero comoda è chiamata Fast Capture: consente premendo due volte il tasto volume a schermo spento di catturare immagini o video, senza dover sbloccare il cellulare. Ottimo per uno scatto al volo o per stalkerare la vostra fiamma senza dare nell’occhio.

Per il resto la ROM è una stock MediaTek con Android Marshmallow a bordo, poco ottimizzata e con alcuni bug davvero fastidiosi. Ad esempio non viene mostrato il grafico riguardante i consumi della batteria, e il telefono ha continui wakelock che non lo fanno andare in Deep Sleep, probabilmente a causa di un bug piuttosto noto riguardante il Wi-Fi.

LETTORE IMPRONTE

Il Lettore d’impronte è posizionato sulla back-cover e funziona circa 7 volte su 10. Lo sblocco è immediato, ma spesso il dito non viene riconosciuto.

FOTOCAMERA

La fotocamera principale del DooGee Y6 Piano Black regala degli ottimi scatti in condizioni di luce ottimale, sebbene abbia la tendenza a sovraesporre e saturare troppo, specialmente quando scattiamo con forte luce ambientale. Le macro sono dettagliate ma i colori lasciano a desiderare.

Quando siamo all’interno in un ambiente poco illuminato o di sera all’esterno le foto non raggiungono la sufficienza: tanto rumore digitale per compensare la scarsa illuminazione, con le foto sfocate e mosse anche disattivando l’HDR. Il flash in questi casi aiuta ma non fa miracoli.

Sufficientela fotocamera frontale, che restituisce buoni selfie ideali per un utilizzo social. Il Led frontale però è completamente inutile.

GPS

Il GPS fixa in modo rapido e la navigazione con Maps non è un problema. C’è anche il sensore magnetico per la bussola, che grazie ad un’app vi consente di orientarvi sempre, anche senza connessione.

BATTERIA

La batteria del DooGee Y6 Piano Black è da 3200 mAh. Purtroppo il telefono si comporta come se la batteria fosse da 2500 o giù di lì. A causa dei bug presenti nella ROM il telefono risulta quasi sempre attivo, minando l’autonomia di questo terminale. Con il mio utilizzo non riesco a coprire l’intera giornata. Più di una volta lo smartphone è entrato in risparmio energetico a partire dalle 5 del pomeriggio, e mi sono ritrovato con un uso blando a sera con il telefono scarico e con l’auto in panne,con la necessità di chiamare il mio meccanico ma impossibilitato. Purtroppo l’ultimo aggiornamento di questo dispositivo risale a Dicembre 2016, dubitiamo quindi che in tempi brevi possa arrivare un aggiornamento che risolva questi fastidiosi bug.

Il tempo di ricarica con il caricatore in dotazione è lento: per caricare completamente la batteria a schermo spento impiega circa 2 ore e 30minuti.

   BENCHMARK

Il valore ottenuto con Antutu  dal DooGee Y6 Piano Black  è di oltre 28595 punti.

Ecco la schermata di AnTuTu

IN BREVE

Doogee Y6 Piano Black è uno smartphone con una buona idea, un ottimo design e l’hardware giusto, ma realizzato male. La colorazione Jet Black o Piano Black che a dir si voglia fa il suo effetto, e che vi piaccia o no esteticamente non si può dire che non sia realizzato bene. Nonostante il basso punteggio su AnTuTu del processore la fluidità generale del telefono è più che soddisfacente, le applicazioni si aprono senza impuntamenti e anche giocare, grazie alla Mali T860-MP2 è davvero un piacere. Il display Sharp nonostante abbia una risoluzione HD è davvero un ottimo pannello, e non fa rimpiangere i Full-HD della concorrenza.

Tutto ciò che c’è di buono è però vanificato da una durata della batteria imbarazzante, da una fotocamera non all’altezza, dal lettore d’impronte impreciso e da qualche bug del software che a distanza di mesi dal lancio rimane ancora irrisolto. Per il prezzo a cui viene proposto sarebbe un ottimo terminale, se DooGee riuscisse a garantire un’autonomia accettabile.

logo ok

logo ko

- Schermo Sharp
- Fluidità del sistema
- 4GB di RAM e 64GB di memoria interna
- Design

- Fotocamera
- Batteria
- Ottimizzazione

- Tasti non retroilluminati

 

DOVE COMPRARE

Il DooGee Y6 Piano Black è disponibile presso il negozio GearBest:

     

Doogee Y6 Piano Black
148€ gearbest

 

 

SCHEDA TECNICA

Specifiche    

Modello

Doogee Y6 Piano Black

Sistema Operativo

Android 6.0

Frequenza

Octa-core

CPU

MTK6750

Frequenza CPU

1.0GHz+1.5GHz

Schermo    

Display

5.5 Pollici

Tipologia Display

Capacitivo

Multi-touch

Multi-touch

Risoluzione

1280*720

Memoria    

RAM

4GB

ROM

64GB

Scheda Di Memoria

Micro SD

MicroSD Espansione Massima

128GB

Camera    

Fotocamera Frontale

8 MP

Fotocamera Posteriore

13 MP

Flash

Auto-Focus

Scatti Continui

Registrazione Video

Communicazione    

WIFI

GPS

Sì, Interno GPS

Bluetooth

Bluetooth 4.0

Rete Frequenze

WCDMA 850/900/2100MHz

FDD-LTE B1/B3/B7/B20

GSM 850/900/1800/1900MHz

Funzioni    

G-sensor

No

Sensore Di Distanza

Sensore Di Luce

NFC

No

OTG

Riproduzione Audio

MP3/ACC/ACC+/WAV/AMR

Riproduzione Video

MP4/3GP/MPEG-4 Ecc.

Wireless AP

Google Play Mall Built-in

Identificazione Delle Impronte Digitali

LED Notificazione

No

Altri    

Rete

Dual SIM Standby

SIM

Un Micro SIM E Una Carta NANO SIM

Batteria Capacità (Typ.)

3200mAh

Batteria Capacità (Min)

3100mAh

Tipo Della Batteria

Non Rimovibile

Auricolari

3.5mm

Connettività

Micro USB

Accessori

Spillo Per Rimuovere La Sim, Caricabatteria*1, Cavo, Manuale

 

Metti "Mi Piace" alla nostra Pagina Facebook
Diventa un nostro Follower su Twitter
Iscriviti al nostro Canale Youtube
Seguici con Telegram per avere tutte le notizie direttamente sul telefono



Ulefone Gemini è uno smartphone che abbiamo testato a lungo perché, come abbiamo visto anche al MWC 2017, l'interesse per un setup a doppia fotocamera è il nuovo trend del 2017. Vedere poi adottare una tale soluzione in uno smartphone entry-level dal costo inferiore ai 150€ sembra davvero una soluzione appetibile. Come si comporta però lo smartphone in generale, e la doppia fotocamera vale il prezzo dell'acquisto? Scopriamolo insieme nella recensione completa.

Due nuovi smartphone sono in arrivo da Oppo, previsti per una presentazione ufficiale che si terrà il 23 Marzo: parliamo di Oppo F3 e Oppo F3 Plus. In particolare Oppo F3 Plus dovrebbe presentare un setup a doppia fotocamera frontale, in maniera simile ai Vivo della famiglia V5. Oppo e Vivo sono infatti due aziende sussidiarie di BBK, che tra le altre aziende controlla direttamente anche OnePlus.

"The New Era of Selfie Expert" si può leggere dall'immagine teaser di presentazione inviata ai giornalisti per l'evento del 23 Marzo. Uno screenshot trapelato relativo alla scheda tecnica dello smartphone sembrerebbe confermare il setup a doppia fotocamera, con una configurazione 16+8 Megapixel.

oppo f3 dual camera

Il resto della scheda tecnica sembra molto interessante: troviamo infatti il nuovissimo Snapdragon 653, processore octa-core e successore dello Snapdragon 652 che svolge il suo lavoro egregiamente sullo Xiaomi Mi Max recensito da Andrea (che lo usa ancora come telefono principale). Troviamo poi 4GB di memoria RAM e 64GB di storage interno, schermo da ben 6" con risoluzione Full-HD protetto dal vetro Gorilla Glass 5 e una capiente batteria da 4000 mAh.

Oppo F3

Il sistema operativo è il Color OS 3.0, fork di Android basato sulla release 6.0 Marshmallow, e c'è anche una fotocamera da 16 Megapixel posteriore. Possiiblità di inserire due SIM o in alternativa una SIM ed una microSD per espandere lo storage interno fino a 256GB. Troviamo anche il supporto alla banda 20 (800MHz) per le reti di telefonia italiane, qunidi un prodotto davvero completo e completamente usabile anche da noi. Il tutto racchiuso in un corpo dal  peso di 185 grammi e dimensioni di  163.63 x 80.8 x 7.35 mm.

Resta da vedere quale sarà la scheda tecnica per Oppo F3 "liscio", ma la versione Plus sembra davvero interessante. Appuntamento al 23 Marzo per sapere maggiori dettagli su disponibilità e prezzo.

Vi siete sempre chiesti come si respira e si vive all'interno di un evento di portata mondiale come il Mobile World Congress? Lo staff di Cinafoniaci vi porta dietro le quinte per svelarvi i piccoli segreti che nessuno vi dice...VLOG e dietro le quinte dell'evento più importante a livello mondiale sul mondo mobile: smartphones, gadgets, servizi, app e tanto altro in una kermesse davvero unica ed emozionante.

Un ringraziamento davvero grande va a tutti voi che ci seguite quotidianamente e che con la vostra passione supportate il nostro lavoro! Continuate a seguirci sul sito, Facebook e Telegram per essere sempre aggiornati sulle ultime news dal mondo degli smartphone cinesi!

Ulefone direttamente dal suo blog fa sapere che a partire dal suo prossimo flagship, Ulefone Gemini Pro, tutti i suoi prodotti integreranno l'Assistente Google, fino a pochi giorni fa esclusiva ufficiale dei Google Pixel. Un bel passo in avanti per l'azienda cinese, che ha ufficialmente preso l'impegno di integrare appieno le funzionalità dell'assistente personale sviluppato dalla casa di Mountain View.

Ulefone Gemini Pro

Purtroppo per noi italiani la notizia non è così emozionante: Google Assistant è infatti ancora non disponibile in Italiano, anche se ci sono speranze di vederlo finalmente operativo anche nella penisola entro la fine dell'anno. E' interessante però che l'azienda sia dimostri così celere nell'integrare funzionalità software che in Cina non sono necessarie. Si dimostra così l'attenzione per il mercato occidentale, con l'Assistente Google disponibile per ora in lingua Inglese e Tedesco.

 

Ulefone Gemini Pro monta un processore deca-core Helio X27 MT6797X a 64-bit da 2.6GHz, 4GB di RAM, 128GB di memoria interna, USB Type-C e fotocamera anteriore da 13 megapixel. La fotocamera principale è un sistema a due sensori da 13 Megapixel, e dopo averlo provato al Mobile World Congress siamo convinti che potrebbe essere un dispositivo davvero valido, anche sotto il comparto fotografico.

Ulefone F1

Confermata anche la presenza dell'Assistente Google per la lineup di Ulefone dei prossimi mesi, con l'atteso Ulefone F1, rivale dello Xiaomi Mi Mix, con il suo design Bezelless. Anche Armor 2, T1 e T3 avranno Android Nougat 7.0 e l'Assistente Google integrati.

Fonte: http://blog.ulefone.com/google-assistant-will-come-to-ulefone-gemini-pro-and-more-models/

Annunciato oggi un nuovo smartphone da parte di LeEco: si tratta del Le Pro 3 Elite, versione depotenziata del suo Le Pro 3 dello scorso anno. Purtroppo per chi sperava in un nuovo flagship ci sarà da aspettare ancora qualche mese: il nuovo dispositivo infatti, nonostante l'aggettivo "Elite" nel nome, risulta essere più una versione "Lite" del LeEco Le Pro 3 lanciato pochi mesi fa dall'azienda cinese.

LeEco LePro3 Elite 1

La scheda tecnica qui infatti compie ben due passi indietro: troviamo lo Snapdragon 820 al posto dello Snapdragon 821 della versione non-Elite, mentre il quantitativo di RAM nella versione top arriva a 4GB rispetto ai 6GB del fratello maggiore. Anche l'NFC scompare misteriosamente, tagliando fuori questo LeEco Le Pro 3 Elite dai pagamenti contactless possibili proprio grazie a questa tecnologia.

LeEco LePro3 Elite 2

Il resto della scheda tecnica rimane invariata: display da 5.5" con risoluzione Full-HD, fotocamera principale da 16 Megapixel con apertura f/2.0, 32GB di storage interno e batteria da 4070 mAh. Il passo in avanti però è dato dalla scelta di produrre questo dispositivo in un'unica colorazione, Gold, lasciando da parte l'orribile Rose Gold a casa.
LeEco Le Pro 3 è disponibile per ora su LeEco Mall, Lynx e Jingdong (store online cinesi) ad un prezzo di 1699 Yuan, circa 230€ al cambio. Un risparmio di circa 30€ rispetto al LeEco Le Pro 3. Di sicuro di "Elite" qui c'è ben poco: la prossima volta un "Lite" sarebbe andato benissimo!

InnJoo, brand di telefonia piuttosto conosciuto in Medio Oriente, ha presentato al MWC 2017 la sua nuova lineup per il 2017, tra cui spicca il Pro2, smartphone con 6GB di RAM e processore Helio P20. Una presentazione che, al Mobile World Congress, segna l'inizio dell'espansione di InnJoo anche sul mercato europeo. Presente all'evento anche Dani Sordo, pilota di Rally dal 2003, che è il testimonial ufficiale della campagna marketing di InnJoo. 

Una conferenza condotta interamente dal General Manager di InnJoo Spain, Conrado Vazquez Mata, il quale ha presentato brevemente la nuova lineup di prodotti. Sono ben 3 gli smartphone proposti: InnJoo 4, InnJoo Pro2 e InnJoo Fire4 Plus
InnJoo Fire4 Plus segue il trend del Mobile World Congress, ovvero quello di conquistare l'utenza con un setup a doppia fotocamera: la doppia fotocamera da 13 Megapixel + 5 Megapixel permetterà di poter giocare con il focus e la prospettiva delle foto, andando ad agire su parametri che normalmente non è possibile fare con una singola fotocamera. Non sappiamo molto delle specifiche dello smartphone dato che allo stand non si sono voluti scucire più di tanto: le certezze per ora riguardano solo lo schermo, 5.5" con risoluzione Full HD, e la batteria, che sarà da 3000 mAh.

Più interessanti InnJoo 4 e InnJoo Pro2, smartphone di fascia medio-alta che arriveranno entro Aprile. InnJoo 4 è il nuovo flagship della compagnia, grazie alla sua scheda tecnica: troviamo un processore MediaTek Helio X20, 4GB di RAM e 64GB di ROM. La fotocamera principale è da 16 Megapixel f/2.2 con PDAF, mentre per i selfie c'è una fotocamera da 5 Megapixel. C'è Android 7.0 Nougat a bordo, ma bisognerà poi fare i conti con gli aggiornamenti: se arriveranno in maniera tempestiva oppure no solo il tempo potrà dirlo.

Infine è stato presentato l'InnJoo Pro2, la proposta di fascia alta dell'azienda. Equipaggiato con il MediaTek MT6757, ovvero Helio P20, e ben 6GB di RAM DDR4, questo è il flagship della compagnia disponibile già da Marzo sul mercato. Ci sono anche 64GB di memoria interna, espandibili tramite microSD. La versione di Android è la 6.0 Marshmallow, speriamo in un update a Nougat nei prossimi mesi. Ben costruito anche se dal design lievemente anonimo, potete apprezzare le sue linee ed il display 2.5D dalle foto.

Alla presentazione abbiamo poi conosciuto Raul, per tutti i suoi fan meglio conosciuto come "el Rincon de China". Raul era presente insieme ad un nutrito numero di canali YouTube spagnoli ed internazionali che si occupano di smartphone, in particolare cinesi. Nelle foto potete vedere il nostro indomito Andrea strappare sorrisi al Rincon nazionale spagnolo.

InnJoo ci ha anche omaggiato con un tablet, modello F801, che proveremo nei prossimi giorni e recensiermo: per ora possiamo anticiparvi che si tratta di un table entry leve da 8 pollici, con la possibilità di inserire ben due SIM con connettività 3G. Vi ricordiamo di seguirci su Facebook e su Telegram per sapere sempre in anteprima news e recensioni dal mondo degli smartphone cinesi!

Offerte dai migliori negozi online

FeiyuTech Vimble C, un interessante gimbal in offerta su CamFere

CamFere (http://www.camfere.com/motorized-gimbal-stabilizers-2237/p-d4705.html?aid=cinacam), è un negozio specializzato in videocamere, action cam,...

Le offerte di oggi su Gearbest : tantissimi Xiaomi in offerta!

(IT.gearbest) Xiaomi xiaofang Smart 1080P WiFi IP Fotocameraofferta lampo €23.71...

Le offerte di oggi su Gearbest : Redmi 4X Global a 127 euro,  speciale UMI e Teclast e altro!

Xiaomi xiaofang Smart 1080P WiFi IP Cameraofferta lampo €22.81http://www.gearbest.com/ip-cameras/pp_620813.html Xiaomi Redmi...

Le offerte di oggi su Gearbest : Xiaomi Mi5 a 206 euro e tanto altro!

(prezzo Bomba)XiaoMi Mi5 64GB internazionale rom global Bianco coupon: Mi5NIT...

Le offerte di oggi su Gearbest e Tomtop : Accessori Xiaomi, Droni, Elephone C1 Max e Nomu S30

Xiaomi mijia 6 in 1 Smart Home Security Kit coupon:XM6IT...

Le offerte di oggi su Gearbest : Xiaomi Redmi Note 4X a 131€ e tanti altri Xiaomi a prezzo speciale

(Super sconto) Xiaomi Redmi Note 4X 3+32GBgray coupon:NoteA4X €131.44 pezzi...

Le offerte di oggi su Gearbest: Xiaomi Redmi 4A  a 93€ e tanti tablet PC convertibili

(prezzo Bomba)Xiaomi Redmi 4A 16GB internazionale rom global Gold coupon:GRedmi...

4 Action Cam SJCAM in offerta su CamFere con spedizione dall'Europa

SJCAM è uno dei brand più conosciuti di action cam...

Le offerte di oggi su Gearbest: XiaoMi Mi5 64GB Global a 210€ !

(Prezzo Bomba) Xiaomi Redmi 4A 2+16GBGold coupon:GB4AIT €96.14http://www.gearbest.com/cell-phones/pp_569345.html?wid=21 (http://www.gearbest.com/cell-phones/pp_569345.html?wid=21&lkid=10417227) Xiaomi...

Le offerte di oggi su Gearbest : Xiaomi Redmi Note 4X a 143 euro

(prezzo Bomba)Xiaomi Redmi Note 4X 3+32GBcoupon:Note4XMI €143.75 ...

Le offerte di oggi su Gearbest : Xiaomi Mi Band a 19 Euro e Xiaomi Redmi 4A a 91 euro

Xiaomi Mi Band 2 Smart Watches for Android iOS ...

Le offerte di oggi su Gearbest : continua la festa di compleanno di Gearbest, nuove offerte ed eventi!

Xiaomi Redmi 4A 16GB internazionale rom global coupon:GRedmi €91.56 pezzi...

Le offerte di oggi su Gearbest : Anche oggi tanti Flash Deal per l'anniversario di Gearbest

Xiaomi Ink Pen Refill 3PCScoupon:CNXMIN €1.73 ...

Le offerte di oggi su Gearbest : Xiaomi Redmi 4 PRO e Xiaomi Redmi Note 3 PRO in versione internazionale e altro

32GB Internazionale Rom Global 4100mAhSilver/Gold coupon:XIREDMI €151.08 pezzi limitatihttp://www.gearbest.com/cell-phones/pp_609478.html?wid=21...

Le offerte di oggi su Gearbest : Xiaomi Redmi Note 4x a 174 Euro!

Lenovo ZUK Z2 internazionale Rom global 4+64GBBianco coupon:ZUKAB ...

Insta360 Air, una videocamera a 360° in meno di 4 cm e dal perso di soli 26 grammi in offerta su CamFere

Vi segnaliamo un nuovo prodotto disponibile a breve su ...

Una action cam 4K 30FPS e 1080P 60 FPS a meno di 40€ su Camfere con un codice sconto!

Vi abbiamo già parlaro di CamFere (http://www.camfere.com/sports-action-cameras-2170/p-d3976bl.html?Warehouse=DE currency=EUR aid=cinacam), un...

Le offerte di oggi su Gearbest : Redmi 4 pro e tablet con Intel Apollo Lake!

Xiaomi Redmi 4 pro 32GB internazionale rom globalGold coupon:XIREDMI €151.08...

Le offerte di oggi su Gearbest : Honor 8 e tanto altro

Raspberry Pi Model 3 B Motherboardcoupon:HDNSAD €32.04 ...

logocinafoniaci2

"I veri Cinafoniaci sono quelli che non si fermano ai prodotti che ci vengono imposti dal mercato e dai media convenzionali ma si documentano e cercano tutte le informazioni per riuscire ad avere la migliore tecnologia al prezzo più conveniente."

 

Articoli più letti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare i contenuti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi la nostra Cookie Policy